Chiropratica

  Ci scuserete per questa parte del sito ancora in lavorazione – correzioni in atto

In questa pagina si cercherà di essere vicino alla gente che potrebbe rivolgersi alla Chiropratica quindi non saranno usati termini scientifici non facilmente comprensibili da tutti.

A chi può essere utile la Chiropratica?

A tutti quelli che hanno mal di schiena: dal collo al bacino passando dalla zona dorsale ed il tratto lombare. Queste persone possono avere anche male lungo le gambe o le braccia fino a colpire mani o piedi che a volte si addormentanoimages-13 impedendo di camminare, rimanere in piedi da fermo, sedersi, girarsi nel letto, alzarsi normalmente al mattino, tossire, starnutire, scendere le scale, scendere  dalla macchina, guidare, andare al cinema, cucinare, lavorare, avere rapporti col partner, prendere bambini in braccio, portare fuori il cane, rimanere davanti al computer, guardare la tv nel sofa, fare la spesa, lavarsi i capelli, fare attività sportiva, correre, andare in bici, studiare, dormire, riposare, viaggiare, ecc, ecc… Per farla breve, chi può usufruire della Chiropratica è tagliato fuori dalla vita di tutti giorni perché tutto è sofferenza e non può più vivere una vita normale. Col tempo subentra  la depressione e la paura di non poter tornare (mai) ad una vita normale come tutti. E più il tempo passa, più è difficile  ritornare ad uno stato di benessere. Ma con l’aiuto della Chiropratica si può combattere queste affezioni, prima attraverso un accurata valutazione  della clinica del paziente grazie ad esami di imagine, di valutazione  neurologica, esame fimages-19isico ed anamnesi per decidere se la Chiropratica  rappresenta una vera opportunità terapeutica. Nel caso si intraprendesse un ciclo di manipolazioni vertebrali col massimo rispetto della fisiologia del paziente, vengono eseguite delle manovre correttive non traumatiche ed indolore (smentendo alcune voci  che  definiscono a torto le manipolazioni chiropratiche delle azioni brutali), adattandosi a tutti i particolari fisiologici che presenta il paziente per un  trattamento altamente specifico e preciso  risolvendo problemi osteo-articolari con una terapia naturale e efficace.

                     —————–

Controindicazioni alla terapia manuale

Il trattamento chiropratico è controindicato nel caso di tumori primari o secondari, infezioni varie, osteomielite, spondilite tifica, artrite reumatoide, spondilite anchilosante, patologie dismetaboliche a eziologia sconosciuta, ernie discali espulse, esiti di fratture non consolidate correttamente,   spondilolisi con spondilolistesi grado > I, osteoporosi avanzata (una forma di osteoporosi in fase non avanzata può anche costituire una controindicazione relativa), turbe psichiche diagnosticate.